Customer Login

Password dimenticata?

Vedi il carrello

In offerta!

di Atzeni Carlo,

di Sanna

Architettura in terra cruda dei Campidani, del Cixerri e del Sarrabus

I Manuali del Recupero dei Centri Storici della Sardegna

Listino 49,00
Vendita 24,50

Manuali del Recupero

Descrizione pubblicazione

I Manuali del Recupero dei Centri Storici della Sardegna

Il Manuale del Recupero delle architetture in terra cruda, si occupa del vasto territorio regionale delle argille, quell’insieme variegato di pianure che comprende tutti i Campidani, da nord a sud, la valle meridionale del Cixerri e la piana costiera sud orientale del Sarrabus. Si tratta di aree tra le più ricche e complesse della Sardegna, unificate dagli orizzonti piatti delle argille, dalla cultura abitativa della casa a corte e dalla tecnologia costruttiva del muro in mattoni di terra cruda. Questo elemento di fabbrica, che negli edifici in cui rimane a vista appare letteralmente “estruso” dal suolo, ha costituito per secoli la cultura materiale dell’edilizia di queste aree, coprendo una vasta gamma di esigenze abitative, dalle case minime ai palazzi, ivi comprese le nuove forme classiciste e liberty tra ‘800 e ‘900. Solo negli ultimi decenni si è posto il problema gravissimo della perdita dei saperi e delle abilità costruttive, in parallelo con una forte crisi dell’identità e del valore culturale dei contesti della terra cruda.
Il Manuale ha proprio lo specifico obiettivo, nell’ambito più ampio delle strategie regionali di tutela dell’identità culturale del “paesaggio insediativo storico” e del suo patrimonio edilizio, di contribuire alla definizione di linee guida per il recupero dell’architettura di base storico-tradizionale. Questo patrimonio è messo in crisi da processi generali di abbandono e spopolamento, o, nelle poche aree urbane, di utilizzo speculativo e improprio, ma è anche sensibilmente alterato da interventi operati con insufficiente consapevolezza rispetto alle pratiche e alle regole della cultura costruttiva pre moderna di questi contesti.
Questo Volume è integrato da un “Manuale Tematico” della costruzione in terra cruda, che tratta l’argomento con tutte le specificità tecnologiche e scientifiche che richiede un materiale “sensibile”, intrinsecamente ecologico e perciò di estremo interesse anche contemporaneo, ma che ha vissuto una stagione di decisa rimozione, che ha rischiato di farlo uscire dal novero delle pratiche costruttive correnti.

Altre informazioni

CD

ID Catalogo

Anno uscita

ISBN-13

Numero edizione

Numero pagine

Volumi

Richiesta informazioni

Profilo Autore

Atzeni Carlo

Laureato in Ingegneria civile-edile con il massimo dei voti e lode, ha conseguito il Dottorato di ricerca in Ingegneria Edile presso il Dipartimento di Architettura della Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Cagliari, con la tesi: "Le culture dell'abitare nelle regioni storiche del Mediterraneo. Tradizioni costruttive a confronto fra conservazione e modificazione". Vincitore del Concorso nazionale per un Assegno di Ricerca dell'Università degli Studi di Cagliari, da svolgersi presso il Dipartimento di Architettura, relativo al programma dal titolo "Insediamento e culture del costruire tradizionali nel contesto regionale fra conservazione e modificazione: materiali per una manualistica del recupero", responsabile scientifico prof. Carlo Aymerich. Svolge attività didattica nei Corsi di Laurea in -Architettura e Ingegneria Edile- e in -Architettura delle Costruzioni- della Facoltà di Ingegneria di Cagliari e sviluppa un'intensa attività di ricerca sulle tematiche del recupero e del progetto di architettura nei contesti storici urbani e rurali. È autore di numerose pubblicazioni e memorie in convegni nazionali e internazionali sull'architettura di base del bacino del Mediterraneo, della Sardegna, e sul rapporto fra le identità locali e il progetto contemporaneo in architettura. Ha partecipato ai Seminari internazionali sul recupero dei centri storici delle città di Cagliari (2004) e di Salvador de Bahia (2005). Collabora con la -Commission Europèenne Meda Euromed Heritage- nel Programma Rehabimed, nell'ambito delle cui attività ha fatto parte, fra l'altro, del gruppo di progetto per il recupero della medina di Marrakech (2006).

Sanna

Non abbiamo informazioni su quest'Autore

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other